Orologio da polso

Orologio da polso
Mappin & Webb l’ orologio da polso pubblicizzato come fosse stato in produzione dal 1898.
Il concetto di orologio risale alla produzione dei primissimi orologi nel 16 ° secolo. Elisabetta d’Inghilterra ha ricevuto un orologio da polso da Robert Dudley nel 1571, descritto come un orologio da braccio. Fin dall’inizio, gli orologi da polso sono stati indossati quasi esclusivamente da donne, mentre gli uomini utilizzati orologi da tasca fino al 20esimo secolo.

Gli orologi da polso sono stati indossati dai uomini militari verso la fine del 19 ° secolo, quando l’importanza di sincronizzare le manovre durante la guerra, senza rischiare di rivelare il piano per il nemico attraverso la segnalazione, è stato sempre più riconosciuto. La Società Garstin di Londra ha brevettato il design di un ‘Watch Wristlet’ nel 1893, ma hanno prodotto disegni simili già dal 1880.

DZ7314_main1-150x150

Gli ufficiali dell’esercito britannico hanno iniziato ad usare gli orologi da polso durante le campagne militari coloniali in 1880, come ad esempio durante la guerra anglo-birmana del 1885. Durante la guerra anglo-boera, l’importanza di coordinare i movimenti delle truppe e sincronizzando gli attacchi contro gli insorti Boer. Molto mobili sono diventati di primaria importanza, e l’uso di orologi da polso in seguito si diffuse tra la classe ufficiale. L’azienda Mappin & Webb ha iniziato la produzione del loro orologio di successo ‘ nella campagna’ per i soldati durante la campagna in Sudan nel 1898 e dilagato la produzione per la guerra in boera qualche anno più tardi.

Questi primi modelli erano orologi da tasca essenzialmente standard montati con una cinghia di cuoio, ma, dal 20esimo secolo, i produttori iniziarono a produrre orologi da polso costruiti appositamente. La società svizzera, Dimier Frères & Cie brevettò un disegno un orologio da polso con le anse a filo e la standardizzazione in 1903.

Hans Wilsdorf si trasferisce a Londra nel 1905 quando ha istituito una propria attività con il fratello-in-law Alfred Davis, Wilsdorf & Davis, fornendo qualità dei orologi a prezzi accessibili; l’azienda in seguito divenne Rolex. Wilsdorf era uno dei primi convertiti al polso, e ha contratto la ditta svizzera Aegler per produrre una linea di orologi da polso.

L’impatto della prima guerra mondiale ha drammaticamente spostato la percezione dell’opinione pubblica sulla correttezza di orologio da polso dell’uomo, e ha aperto un mercato di massa nel dopoguerra. La strisciante tattica sbarramento di artiglieria, sviluppato durante la guerra, ha richiesto la sincronizzazione precisa tra gli artiglieri e la fanteria avanza dietro lo sbarramento. Orologi al servizio prodotti durante la guerra sono stati appositamente progettati per i rigori della guerra di trincea, con quadranti luminosi e vetro infrangibile. Il Dipartimento della Guerra britannico ha cominciato a pubblicare orologi da polso ai combattenti da 1917.  Per la fine della guerra, gli uomini quasi tutti arruolati indossavano un orologio da polso, e dopo che sono stati smobilitati, la moda ha presto catturato il trend.
Il British Horological Journal ha scritto nel 1917 che “l’orologio bracciale è stato poco utilizzato dal sesso forte prima della guerra, ma ora è visto al polso di quasi tutti gli uomini in divisa e di molti uomini in abiti civili.” Nel 1930, il rapporto tra da polso per da tasca era di 50 a 1. Il primo sistema a carica automatica di successo è stato inventato da John Harwood nel 1923.

L’introduzione della vigilanza del quarzo nel 1969 è stato un miglioramento rivoluzionario nella tecnologia. Al posto di un bilanciere che oscilla a 5 battiti al secondo, utilizzato un risonatore cristallo di quarzo che vibrava a 8.192 Hz, azionato da una batteria alimentata circuito oscillatore. Dal 1980, ci sono più orologi al quarzo che quelli meccanici commercializzati.

Orologi rari sono stati tradizionalmente utilizzati come beni di investimento. Tra il 2004 e il 2014, orologi classici sono aumentate in valore di oltre il 5% l’anno in media.